BB che??? Il fantastico mondo delle BB Cream

Ammetto di essere stata un po’ ignorante quando ho sentito nominare le prime BB cream; erroneamente cadevo nell’errore comune, per me BB è e resta una e unica… la mitica Brigitte Bardot (inutile dirvi che al solo nominare il suo nome ho cominciato a fare il trenino in stanza)… 😛
Torniamo a noi: le BB cream sono esplose sul panorama italiano da più di un anno, ma esistono direi forse da sempre, anche se in varianti più o meno simili.

Ma diamo una definizione diciamo “scientifica” al prodotto in questione:
BB cream stands for blemish balm, blemish base, or beblesh balm (apparently because of a copyright in Korea on the word “blemish”), and in Western markets, beauty balm. It is a cosmetic item sold mainly in East and Southeast Asia, although larger beauty brands are increasingly introducing BB creams to Western markets.
BB cream is promoted as an all-in-one facial cosmetic product to replace serum, moisturizer, primer, foundation, and sunblock. It can be worn alone as a tinted moisturizer, over serum and moisturizer as a regular foundation, and under powder, depending on the desired amount of coverage.
BB cream was originally formulated in the 1960s in Germany by dermatologist Dr. Christine Schrammek to protect her patients’ skin after laser procedures and surgery. Introduced to South Korea and Japan in 1985 – where healthy-looking, porcelain skin is heavily prized – the cream was hailed as “the secret of Korean actresses,” and was heavily endorsed by Korean celebrities.
(tratto da wikipedia.org)

La prima formula originale della BB cream è stata inventata in Germania dal dermatologo Dr. Christine Schrammek, nel 1960, per curare una sua paziente dopo un intervento di chirurgia laser. Poi le ritroviamo in Korea del Sud e Giappone a partire dal 1985.

Quindi ci troviamo davanti ad un prodotto multifunzione o, se vogliamo usare un termine informatico, multitasking, in grado di perfezionare le discromie della pelle, idratarla e coprire rossori e piccole imperfezioni donando un incarnato naturale.
Scritta cosi cosa la differenzia realmente da una “banale” crema colorata? Il fatto che non cambia il colore naturale della nostra pelle ma è in grado di adattarsi a ogni tono, perfezionandolo e rendendolo più omogeneo e radioso.

In Italia ne esistono diverse varianti, da quelle più commerciali che potete trovare anche al supermercato a quelle più specifiche e più costose.
Facciamo una rapida carrellata in merito.

Parto dalla BB Cream di Garnier, perchè è quella che sto utilizzando al momento ed è di facile reperibilità (Acqua e Sapone, Oviesse, supermarket… insomma ovunque).
La BB Cream di Garnier promette 5 benefici in un unico prodotto; uniformare il colorito, illuminare l’epidermide, idratarla per 24h, attenuare le imperfezioni e garantire una protezione dai raggi UV. Al momento è in commercio in due varianti: la versione originale e la variante per pelli miste/grasse.
Le ho provate entrambe; anzi, vi dirò di più, praticamente ho utilizzato la versione “originale” per tutta l’estate ed è un buon prodotto.
Ho provato a stenderlo anche con il pennello, ma preferisco le mani; ne basta veramente poca per tutto il viso, si stende in fretta e con un tocco di cipria sono a posto fino a sera. Ho provato ad applicarla sia senza che con la mia crema abituale e preferisco continuare ad utilizzare la mia base stando attenta a farla asciugare bene. Per la mia pelle mista/grassa, soprattutto nella zona T non è stata il massimo, dopo qualche ora avevo il viso lucido su naso fronte e mento ma con le amiche veline anti-sebo riuscivo a tenere la situazione sotto controllo.
Con la nuova versione apposita per pelli miste/grasse sembra che il mio problema si sia risolto.
Ho letto altre review in giro, alcune ragazze che hanno notato la comparsa di brufoletti e punti neri… beh, io l’ho usata per un’intera estate e non è successo niente del genere. Qualche “simpatico amico” è comparso, ma alla Nutella, al Mac e ai gelati nulla è immune quindi ben mi sta!!

Tornando ad un briciolo di professionalità… è un prodotto che promuovo come alternativa al fondotinta, per tutti i giorni.
Vi allego anche una foto del make up che avevo per la VFNO a Roma, dove ho utilizzato appunto la BB cream nella versione pelli miste/grasse medio scura, per farvi vedere il grado di coprenza e uniformità e farvi notare, soprattutto, che va bene anche per me che ho una carnagione scura.

Ultimo dato non da poco… il prezzo: varia da €5.90 (in offerta al momento da Acqua e Sapone, e con l’acquisto vi regalano anche una bellissima shopping bag) a €9 per la grande distribuzione.

Anche L’Oreal ha introdotto nella sua gamma due bb cream: la Nude Magique BB Cream e la Revitalift BB Cream adatta ad una pelle dai 30 in su perchè all’interno contiene i principi della crema Revitalift che combatte i 10 segni tramite cui l’invecchiamento si manifesta principalmente: rughe, linee sottili, perdita di compattezza, perdita di elasticità, perdita di volume, macchie, colorito spento, décolleté rilassato, pelle poco uniforme, disidratazione.
Ho provato la texture di entrambe e preferisco la versione Revitalift; si presenta all’interno di un flacone sottovuoto a pompetta e, quindi, in grado di lasciare inalterati i principi attivi della crema. Per quanto riguarda il prezzo, siamo sui €16.90 per la Revitalift e sui €14.50 per la Nude Magique.

Parlando ancora di versioni low coast delle BB Cream, anche Essence ci presenta le sue: le troviamo all’interno della linea My Skin, Pure Skin (ottima per pelli impure) e il make-up to match fondotinta viso che promette di uniformare l’incarnato per un effetto naturale e a lunga durata disponibile in tre versione.
Tutte e tre le varianti non superano i €4 e fanno parte della linea permanente di Essence, almeno per il momento.

A titolo informativo anche Maybelline, Collistar e Astra hanno inserito in gamma delle BB Cream.

Nota finale per le vere BB Cream “originali”: parlo di quelle asiatiche, usate appunto dalle pop star dai primi anni ’80 per ottenere un incarnato naturale ma perfetto sotto le luci televisive (alcune bb cream hanno ingredienti sbiancanti all’interno che permettono appunto un viso da porcellana, must have per le donne asiatiche).
In Italia è possibile acquistare brand come Skin79, Etude House, Loele, DR. Jarth, Skinfood e altre ancora dai siti http://www.bbcreamitalia.eu e http://www.bbcreamshop.it/ – su questi siti troviamo in vendita anche dei kit prova con miniformati da 4 gr di BB Cream, che ci permettono di provarne diverse per trovare la formula ideale al nostro tipo di pelle, questo ne è un esempio.
Vi sconsiglio di acquistarle da ebay, per evitare la dogana e soprattutto per evitare prodotti contraffatti.

Per le BB Cream asiatiche conto di farvi un post a parte, non le ho mai provate ma credo che rimedierò molto presto perchè non si finisce mai di imparare e di fare nuove e piacevoli scoperte.

Per il momento è tutto; spero che queste informazioni vi tornino utili e vi invito a condividere con me le vostre esperienze!
Katia.

AD: