Guarda cosa ho trovato: i PUPPETTINI!

È da molto tempo che devo scrivere questo articolo. Vi ricordate la scatolina rosa, pubblicata su facebook e instagram (e anche nel videotag ‘Cosa c’è nella mia borsa?’), di cui non volevo svelare il contenuto? Ecco. Quella scatolina conteneva sei ciondoli, interamente realizzati a mano da un artistagiano (perché un artista artigiano è EVIDENTEMENTE un artistagiano) di nome Andre Balzano: i PUPPETTINI.
La carotina, i puppettini fluo, e... 'u puorc'.
Li avevate già visti, dite la verità. I PUPPETTINI godono di notevole fama. Gli facevo la corte già da diversi mesi, ma non mi ero ancora decisa ad acquistarne qualcuno (più che altro perché non sapevo quale scegliere: date un’occhiata alla collezione sulla pagina facebook e poi ditemi se non ho ragione!). Finalmente, mi sono decisa 🙂
Chettttenero *_* Scusate l'attacco di bimbaminchiaggine, ma è più forte di me 😛

Come vi dicevo, ho acquistato sei ciondoli (sono disponibili molte altre cose, sono io che ho deciso di essere monotematica e buttarmi sui ciondoli).
Nelle foto, purtroppo, ne vedete solo cinque. Avevo preso anche il puuuuuuulpitiell’… ma, avendo la delicatezza di un bisonte, l’ho già rotto. Non che siano fragili, eh, anzi… ma l’ho tirato su con l’aspirapolvere, era veramente difficile che potesse uscirne illeso -.-

Ma torniamo a noi. Come alcuni di voi sapranno, un tempo anch’io facevo pupini in cernit. Solo che erano delle mezze cacatelle, questi invece sono PRO. Quello che, secondo me, è il punto forte dei PUPPETTINI, a parte l’eccellente fattura, è il loro carattere. Alcuni potranno ricordare vagamente i ravin rabbids, ma giusto per le facce buffe e la follia, perché in realtà non somigliano proprio a niente, ed è per questo che li amo: sono originali, sono loro e basta!

Ovviamente non vedo l’ora di infilarli in qualche outfit… mi prude la reflex 😉

Stay tuned!

AD:
Giorgia Marino

Curvy blogger italiana, graphic designer, social manager, copywriter... e tante altre cose (piuttosto noiose) che vi risparmio volentieri. Mi piace fare di tutto e, come tutte le persone eclettiche, ho il sospetto di non eccellere in niente :)