Risolvere 10 problemi (curvy e non) legati all’estate

1. Escoriazioni tra le cosce

Sarà che le tue cosce hanno troppo amore da dare e devono baciarsi tra loro. Sì, sarà sicuramente così. Comunque, la  questione è che a furia di strisciare si irritano, si escoriano, bruciano. E tu soffri. Evitare gonne e vestitini non  mi pare proponibile. Meglio usare le bandelettes!
bandelettes-sfregamento-cosce-italia-italy-blog-blogger-curvy-plus-size-escoriazione-gonne-estate-pelle-gambe


2. Esordio dei sandali = vesciche

Non so tu, ma io mi distruggo i piedi sistematicamente, quando passo ai sandali. Non ho trovato una vera soluzione  (preventiva), e forse non c’è neanche, ma le tattiche sono due:

  • cospargere borotalco sui piedi per evitare che le  varie stringhe aderiscano/si incollino, con le conseguenze che conosci;
  • se le scarpe sono nuove o hanno un difetto e fanno male in un punto preciso, una soluzione è inserire in quel punto un pezzetto di cerotto invisibile, di scotch, o di quei (costosissimi, purtroppo) cerotti per le vesciche che vendono in farmacia.
    cerotti-vesciche-compeed-problema-sandali-estate-vescica-dolore-soffro-piedi
    Extra: quando a bruciare è la pianta, le solette imbottite che si appiccicano alla suola possono essere una soluzione(o peggiorare il problema: dovrai fare delle prove, non hai scelta!)

3. Il reggiseno che sbuca fuori dalle canotte (e fa brutto)

Ho già pubblicizzato più e più volte il reggiseno wonderbra che per me ha risolto definitivamente il problema (questo: regge, non si muove e cambia la vita; unico limite, arriva fino alla taglia 5 coppa E). Se questa soluzione non dovesse andare bene per te, ti segnalo l’esistenza di queste striscioline adesive che servono a incollare il reggiseno ai vestiti in una posizione specifica e mantenerlo lì per tutto il tempo. Reggono qualche ora, ho provato, quindi l’unico limite è la tua fantasia! Tra l’altro, come vedrai nel video, sono utili anche per risolvere il problema del bottone sul seno che si apre!)


4. Pantaloni di lino e slip.

Non è bello che si veda lo slip sotto il pantalone (per via del colore o anche
semplicemente per via della riga dell’orlo). L’ideale, ovviamente, sarebbe mettere un perizoma/tanga e – per di più – color carne. Ma il perizoma tende a tagliarci in due, se abbiamo la ciccetta, specie perché di solito non li vendono della nostra taglia. Ebbene, non è sempre così: su bonprix trovate varie soluzioni in taglie fino alla 64!


5. Costume e smagliature.

Ti infastidisce proprio, dover mostrare le smagliature. Non lo accetti. Ebbene, ne hai tutto il diritto. Ma a mare ci devi andare. Dunque, anche se non sto scoprendo l’acqua calda e lo sai già da sola, ti consiglio ancora una volta di optare per un bikini a vita alta o per un tankini: così sarai a tuo agio e potrai goderti sole e mare.
Ecco l’articolo sui costumi che ho appena pubblicato!


6. Mare e capelli

‘Uscire stasera? No, oggi vado a mare, per potere uscire di casa dovrei farmi uno shampoo… troppo lunga, la cosa, non faccio in tempo’. Prima dell’anno scorso ho detto questa frase circa un trilione di volte. Il fatto è che i miei capelli, al naturale, sembrano lana di pecora. Crespi, né ricci né lisci, gonfi… ugghhh.
Soluzione? Ce l’ho: dopo l’ultimo bagno e la doccia, distribuite sui capelli un olio protettivo (per esempio uno ai semi di lino, oppure un anti-crespo che andrebbe usato prima di asciugarli. Chiedete al vostro parrucchiere e trovate la soluzione adatta a voi). Il risultato vi sorprenderà (ecco una foto del MIO risultato: non è che sia questo granché, ma è comunque a prova di uscita con gli amici!)
capelli crespi piega mare shampoo olio di semi protezione piega asciugati asciugare al sole all'aria


7. Abbronzate ovunque… ma solo dal ginocchio in su.

A me capita sempre, Luca – scherzando – dice che devo smetterla di andare a mare coi calzettoni. Posso anche stare al sole 12 ore e mettere la protezione 50 ovunque tranne che sulle gambe ma, per motivi che sfuggono alla mia comprensione, le gambe saranno sempre bianchicce. Ebbene, sappiate che esistono prodotti abbronzanti SPECIFICI per le gambe. Perché pare che l’assenza di melanina in quella zona sia un problema diffuso (forse aggravato anche da cerette ed epilazioni varie e continue). Eccone uno, ma se chiedete in giro ne troverete quanti vorrete!


8. Pianta dei piedi non proprio al top.

Se hai la pelle sulla pianta ruvida e indurita da un intero inverno, ti consiglio di pensarci ADESSO. La pedicure è una bellissima cosa, ma se togli la pelle vecchia dai piedi e il giorno dopo ti fiondi su scogli/sabbia/legno rovente potresti soffrire maledettamente. Pedicure sì, ma almeno una settimana prima di andare a mare (fidati!)


9. La ceretta in estate.

Ok, sto sconfinando in cose di una banalità estrema, lo so, ma meglio essere sicuri: sappi che se fai la ceretta quando sei abbronzata ti porti via anche l’abbronzatura. E sappi che se fai la ceretta il giorno prima di esporti al sole, o addirittura lo stesso giorno, ti ustioni e ti macchi lì dove hai strappato. Mai vista una donna col quadratino della cera sul baffetto più scuro del resto della faccia? Ecco, evita, anche perché è molto difficile riuniformare, dopo!
ceretta-baffi-estate-sole-abbronzatura-macchia-attenzione-consigli-blog-blogger-beauty-bellezza


10. Trucco waterproof.

Dicono che andare al mare truccate sia da villani. Posso capire, ma posso capire anche che, per questioni di età o anche solo di vanità (saranno anche cavolacci tuoi!) tu voglia darti almeno una passata di mascara. Io ammetto di cedere, a volte, alla tentazione di usare una matita sulla palpebra inferiore (ovviamente di un colore chiaro, brillante, estivo) e di dare una passatina di mascara. Il mascara waterproof lo conosci già, ma sapevi che esistono anche matite occhi, matite labbraombretti ed eyeliner pensati per stare al loro posto anche dopo il bagno (comunque un pochino sbavano sempre, ma niente di terribile)?

AD:
Giorgia Marino

Curvy blogger italiana, graphic designer, social manager, copywriter... e tante altre cose (piuttosto noiose) che vi risparmio volentieri. Mi piace fare di tutto e, come tutte le persone eclettiche, ho il sospetto di non eccellere in niente :)