Strani mix parte I

Oggi faccio di testa mia. E chiaramente cado immediatamente nel non si fa.
Cos’è che non si fa? Il nero e il marrone non stanno bene? Le righe orizzontali non puoi indossarle se sei sovrappeso perché ti ingrassano ulteriormente? Il vestitino romantico stile marinaretto e gli stivaletti marroni fanno a pugni? E quindi? Ma poi… chi l’ha deciso?


Chi è che decide cosa si può e cosa non si può indossare?
Stamattina mi sono svegliata con la polemica nel sangue (come ogni mattina, del resto), dunque ho deciso ancora una volta che no, non è giusto, a me non lo dice nessuno cosa indossare e cosa no, va bene?

Non so come la pensiate voi ma a me interessano le sensazioni che provo e, di solito, mi sento a più a mio agio quando sembra che mi sia esploso l’armadio addosso che quando sembro avere la ‘pretesa’ di indossare abbinamenti perfetti. D’accordo, sarà sicuramente un problema solo mio, ma nel mio disordine illogico e dissociato mi sento OUTcon onestà. E quindi, stringendo, me stessa.Tra l’altro è abbastanza limitante e ridicolo pensare che moda significhi assicurarsi di comprare quello che gli stilisti hanno deciso di importi per la stagione. Moda significa, tecnicamente, che tizia X indossa qualcosa e le sta così bene, fa un così bell’effetto, che a tutti quelli che la vedono viene voglia di imitarla. Così nasce e, spero, così cercano ancora di fare funzionare la cosa, con la sola differenza che siamo talmente condizionate da non avere più neanche bisogno di vedere: se la famosissima Y l’ha detto, va già bene. Correte TUTTE a comprare il trend della stagione. Ah, ovviamente capita spessissimo che la tendenza doni solo al 15% delle donne, per tutta una serie di ragioni, e faccia sembrare tristissimi lampadari (per dirne una) tutte le altre, ma chi se ne cura? Quante sono le donne che realmente cercano di valorizzarsi e quante sono, invece, quelle che cercano disperatamente di uniformarsi?



Abito: Mango | Cardigan: Bershka | Collana: Bonprix | Borsa: Oltre
Stivali: S. Oliver | Collant: Calzedonia (famosissimo colore SIGARO… O.o)

AD:
Giorgia Marino

Curvy blogger italiana, graphic designer, social manager, copywriter... e tante altre cose (piuttosto noiose) che vi risparmio volentieri. Mi piace fare di tutto e, come tutte le persone eclettiche, ho il sospetto di non eccellere in niente :)